Vi presento Toni Erdmann (2017) Streaming ITA

Trama

Vi presento Toni Erdmann (2017) Streaming

 

Inès è una donna in carriera che lavora in una grande azienda tedesca a Bucarest. La sua vita sembra scorrere tranquilla fino all’arrivo improvviso di Winfried, suo padre, che le pone questa domanda: “sei felice?”. La sua incapacità di rispondere alla domanda segna l’inizio di un profondo sconvolgimento. Questo padre ingombrante, sempre pronto a fare scherzi, e di cui lei si vergogna un po’ farà di tutto per aiutarla a ritrovare se stessa inventandosi un buffo ed eccentrico personaggio: Toni Erdmann

Vi presento Toni Erdmann Streaming ITA HD

Vi presento Toni Erdmann Trailer ITA

Motore di Ricerca Streaming Film

Recensione Film

Qualita Audio/Video: AC3.DVDRip

Diretto e scritto da Maren Ade, Vi presento Toni Erdmann racconta la storia di Winfried, insegnante di musica che non vede da molto tempo la figlia Ines, oberata dal lavoro, e che decide di raggiungerla per farle una sorpresa. Il suo gesto, però, si rivela azzardato: Ines sta lavorando a Bucarest a un importante progetto a cui dedica tempo, dedizione e serietà. Il cambiamento geografico, inoltre, non aiuta i due a relazionarsi come si dovrebbe. Winfried, vero burlone, ama infastidire la figlia con scherzi banali ma la giovane donna non ha tempo per qualcosa che esuli dalla sua routine lavorativa. Padre e figlia arrivano dunque a un punto di non ritorno e, seppur a malincuore, Winfried accetta di ritornarsene a casa in Germania. Poco dopo la sua partenza, nella vita di Ines fa la sua comparsa lo strambo Toni Erdmann, che altri non è che il padre Winfried sotto mentite spoglie. Con un cappello di cattivo gusto, una strana parrucca e curiosi denti finti, Toni irrompe nella vita professionale di Ines spacciandosi come il life coach della compagnia per cui lavora. Ha inizio così un audace tira e molla che permetterà a Ines di capire di dover trovare posto nella sua vita per l’eccentrico genitore.

Con la direzione della fotografia di Patrick Orth, le scenografie di Silke Fischer e i costumi di Gitti FuchsVi presento Toni Erdmann# viene così presentato dalla regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «Tutti i miei film hanno uno spunto di partenza autobiografico. Quando poi si parla di famiglia, è impossibile in fase di scrittura sfuggire alla propria esperienza: non c’è niente che si conosca meglio delle proprie origini. Si ha una sola famiglia e il rapporto tra genitori e figli è qualcosa che segna per tutta la vita e da cui non si può scappare. Ed è questo il fulcro di Vi presento Toni Erdmann#. Ines, la figlia, pensa che la famiglia in cui è cresciuta non abbia più rilevanza nella sua esistenza. Tutti sono intrappolati in ruoli già assegnati e le interazioni tra i componenti rispondono a rigidi modelli, quasi rituali, da cui nessuno può esimersi.

La trasformazione di Winfried in Toni non è altro che un coraggioso tentativo di rompere lo schema del rapporto padre-figlia. Toni è frutto della sua disperazione. L’umorismo spesso è la chiave per affrontare una situazione tragica e come tale è figlio del dolore: Winfried non è riuscito a ristabilire un contatto con la figlia e ha cercato invano di ridefinire il contatto con lei. Ha però perso e, mosso dal desiderio di starle vicino e dal risentimento che inevitabilmente prova nei suoi confronti, trova una curiosa via di uscita presentandosi sotto le mentite ed esuberanti spoglie di Toni. L’umorismo è l’unica arma a sua disposizione e vuole approfittarne. Ciò comporta la nascita di qualcosa di molto duro: Ines, del resto, è un osso duro ed egli è costretto a “parlare” l’unico linguaggio che la giovane donna capisce.

Ines lavora in un campo dominato dagli uomini e ciò rende i suoi conflitti prettamente contemporanei. Ha iniziato la sua carriera convinta che autodeterminazione e uguaglianza fossero caratteristiche tipiche della sua generazione, dando per scontato di non avere bisogno di far ricorso a idee femministe oramai obsolete. Non era mia intenzione criticare il mondo degli affari ma tale ambiente, dominato ancora dal sessismo, mi serviva per mostrare meglio la psicologia del personaggio.

Il conflitto tra padre e figlia ha anche valenza politica. Winfried ha combattuto tutta la vita per garantire alla figlia la fiducia e lo spirito indipendente di cui aveva bisogno per farsi strada nel mondo. Ines, invece, ha scelto di vivere un’esistenza molto lontana dagli ideali che il padre ha instillato in lei da bambina, optando per un campo lavorativo molto conservatore e orientato alle prestazioni. La libertà per cui la generazione di Winfried ha lottato ha spianato la strada a un capitalismo sfrenato in cui il profitto è lo scopo di tutto. Nonostante sembri ormai rassegnato al modo diverso di vedere le cose, Winfried lascia riaffiorare il suo vecchio essere ribelle nelle vesti di Toni».

 

+ Info